La consulenza non è solo la perizia econometrica

Mentre in passato la consulenza aziendale era finalizzata alle varie opportunità di finanziamento e alla pianificazione fiscale, ormai da qualche tempo la presenza a fianco delle imprese è sempre più incentrata alla risoluzione di problemi e controversie legate ai rapporti bancari.

Nella fattispecie, il superamento delle soglie usura e l’applicazione di anatocismo bancario agli strumenti finanziari utilizzati (conti correnti affidati e mutui in primis), rendono estremamente difficoltoso il cammino delle aziende al punto da metterne a serio rischio la sopravvivenza stessa.

GMedia, in qualità di partner tecnico dei diversi attori di questa moderna contesa (avvocati, commercialisti, periti ctu, ma anche e soprattutto i clienti finali delle banche), in tutti questi anni ha sempre adottato la stessa linea operativa, che si basa esclusivamente sul lavoro responsabile e sulla concretezza.

Come tutte le attività che per qualche oscuro motivo diventano improvvisamente di “moda”, il rischio, che tanti competitors del settore corrono, è infatti quello di utilizzare forme promozionali populiste e spregiudicate col solo fine di acquisire clienti (o meglio, i loro già ridotti capitali) e non perseguire obiettivi finalizzati al soddisfacimento delle esigenze degli stessi.

In buona sostanza, il business di questi “professionisti”, spesso palesemente improvvisati in questo ruolo, è la redazione della ormai famosa perizia econometrica che, dall’alto di numeri spesso gonfiati, soddisfa entrambe le parti: il consulente (o pseudo tale), perché incassa un bell’assegno e il cliente perché è convinto di andare a sparare sulla croce rossa.

Poi magari il consulente sparisce (per inseguire altre prede) e il cliente si ritrova da solo ad affrontare un problema molto più grande di lui, armato quasi sempre di sola carta straccia.

Non ci si deve poi meravigliare se nella giurisprudenza degli ultimi anni compare sempre più spesso la lite temeraria nelle sentenze dei giudici.

Ma siamo in un libero mercato e tutto questo, in teoria, non ci dovrebbe sconvolgere più di tanto. E invece…

E invece siamo consapevoli che qualsiasi attività possa e debba essere fatta con competenza e serietà. Siamo convinti che le esigenze e gli obiettivi dei clienti possono e devono essere condivisi dai professionisti che li affiancano.

GMedia ha scelto di lavorare sin dall’inizio in questo modo. In maniera trasparente ed oculata. Sempre in punta di piedi per non creare facili entusiasmi, additando il “nemico di turno”. Ed è un metodo che fino ad oggi ha riservato grandi soddisfazioni a noi e ai nostri clienti.

In accordo con loro, quindi, racconteremo in seguito alcune di queste storie e il percorso che ci ha condotto alla risoluzione ottimale delle controversie. Senza celebrazioni o festeggiamenti… Solo con la consapevolezza di aver raggiunto il miglior risultato possibile in quel contesto e in quel momento specifico.

0
  Related Posts